MA COSA VOGLIONO DA NOI???????? Stampa
Scritto da Administrator   
Mercoledì 17 Aprile 2019 20:50

Ieri 16 aprile 2019 si è tenuta  una riunione presso il  Ministero della pubblica istruzione a Minsk indetta dall'ufficio che autorizza i gruppi per i progetti di risanamento. La nuova disposizione prevede che i ragazzi della 9 classe che finiscono la scuola dell' obbligo non potranno partire per l’ Estero all'interno dei progetti di risanamento.

Questo perché loro sono a scuola fino al 16 giugno(dove è scritto?), e successivamente debbono presentare  i documenti alle scuole professionali dove verranno iscritti solo il 30 agosto . Perciò secondo la disposizione del soprannominato Ministero tali studenti NON dipendono più  dal Ministero della pubblica istruzione, motivo per cui il Medesimo NON li autorizza. Se invece i ragazzi continuano gli studi con la 10° e 11° classe è necessario scrivere nel certificato scolastico una frase attestante  il proseguiranno degli  studi (ma le scuole da me contattate non lo fanno fino al 30 agosto perché quello é il termine di scadenza delle iscrizioni!).

Per i ragazzi di tutela serve una lettera di garanzia del dipartimento dell’ istruzione locale che garantisce che la minore   entrerà alla scuola professionale e così potrà essere inserito nel il progetto di risanamento.

Per i bambini degli istituti questo problema non si pone perché loro sono in carico allo stesso istituto fino al 31 agosto .

E rimangono sicuramente fuori i bambini di famiglie della 11 classe . Per loro sembra che ci saranno seri problemi poiché  non possono presentare un documento che dia  garanzie sul proseguimento degli studi (ma se uno non va all'Università?).

Quindi bambini di famiglia frequentanti la 9° e 11° classe NON potranno venire in Italia col progetto di gruppo.

In realtà questo non sarebbe un grosso problema SE CI AVESSERO AVVISATO tempestivamente in quanto si sarebbero realizzati progetti SINGOLI che NON richiedono il visto del Dipartimento, ma a 45 giorni dall'arrivo che si fa????????

Quali problemi nasconde questo provvedimento? Un'idea personale l'ho, e se fosse vera la responsabilità sarebbe anche degli italiani che spesso sono felici di aggirare le Leggi anche in Bielorussia, comunque non serve sparare nel mucchio per sanare delle situazioni.

Ho chiesto un appuntamento al Direttore del Dipartimento e vedremo se mi riceverà e quale sarà il margine di trattativa.

Una domanda a chi ha fatto venire i ragazzi a studiare in Italia: avete tutti pagato il dovuto richiesto dalle scuole a parziale rimborso delle spese sostenute dallo Stato bielorusso per l'istruzione dei ragazzi? Controllate ed eventualmente  cercate di sanare.

arena ricchi