• Decrease font size
  • Reset font size to default
  • Increase font size

Cerca nel sito

Informazioni & Guide

Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterGiornaliere234
mod_vvisit_counterSettimanali1926
mod_vvisit_counterMensili3669

Oggi: 15,Nov,2018

Chi è online

 40 visitatori online
Home Comunicati AVIB di Presidenza La nostra biblioteca si arricchisce ancora. Congratulazioni all'amica RAFFAELLA CANDOLI
La nostra biblioteca si arricchisce ancora. Congratulazioni all'amica RAFFAELLA CANDOLI PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 08 Gennaio 2018 08:48

Con "Quel tozzo di pane", Raffaella Candoli, presidente dell'associazione di volontariato Piccolo Mondo Onlus è tra i vincitori del concorso letterario nazionale 2017 "Racconti a tavola", promosso dalla casa editrice Historica di Francesco Giubilei, col patrocinio di Unaga (l'associazione dei giornalisti in Agricoltura e Ambiente) aderente a FNSI, Federazione nazionale della stampa.

Il racconto narra la storia d'amore tra Maria Dmitrievna Domanchiuk, una ragazza bielorussa catturata dai tedeschi nel corso della seconda guerra mondiale e deportata a Stoccarda in Germania, e Raffaele Ciavarella, soldato italiano rinchiuso nello stesso campo di prigionia. Maria e Raffaele, impiegati come forza lavoro in una ditta che confeziona dadi da brodo, hanno l'assoluto divieto, come tutti gli altri prigionieri, di scambiare parole tra di loro, ma le guardie armate non possono certo impedire che gli sguardi tra i due sconosciuti si facciano di così grande intesa tanto da alimentare un affetto silenzioso ma significativo più di tante parole. E sempre con i suoi bellissimi occhi azzurri Maria indica a Raffaele di avere lasciato in una fessura del muro un pezzo di pane e lui l'indomani, ritirando quel povero ma prezioso dono, lascia una lettera a Maria. Un tozzo di pane e una lettera e i giorni passano finchè i due possono finalmente abbracciarsi e dichiararsi il loro amore. Maria oggi ha 92 anni, vive a Foggia dove subito dopo la guerra si è sposata con Raffaele, che se ne è andato qualche anno fa. I due hanno costruito una bella famiglia di 3 figli, 5 nipoti e 9 pronipoti. Maria ha raccontato questa storia di recente, su invito di Tatiana Moroz, presso la Facoltà di linguistica dell'Università di Minsk. Il racconto sarà presto tradotto in lingua bielorussa.