• Decrease font size
  • Reset font size to default
  • Increase font size

Cerca nel sito

Informazioni & Guide

Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterGiornaliere103
mod_vvisit_counterSettimanali783
mod_vvisit_counterMensili2771

Oggi: 17,Dic,2017

Chi è online

 37 visitatori online
Home Comunicati AVIB di Presidenza Ingenui o furbetti?
Ingenui o furbetti? PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 18 Agosto 2017 09:15

Carissimi, forse purtroppo "crediamo ancora nella Befana" continuando a realizzare i progetti! Questa l'amara considerazione della collega G. C. dopo una querelle che l'ha vista fronteggiarsi con la madre di una bimba inserita in un progetto da Lei curato.

In breve, dopo pochi giorni dall'arrivo della bambina in Italia, la madre qui soggiornante sembra con visto turistico polacco, si é fatta viva reclamando la consegna della bambina, ovviamente G. si é opposta in quanto la minore é inserita in un progetto da lei curato ed é sotto la sua responsabilità, i genitori, concedendo l'assenso, hanno automaticamente posto la minore sotto al giurisdizione delle Autorità Italiane (o sbaglio?)

Comunque G. é stata perseguitata dalla madre della bambina che si è pure rivolta alle Autorità del Suo Paese per ottenerne l'affido. La collega ha cercato pareri e sostegni dalle nostre autorità e dopo un mese di "persecuzioni" si è arrivati ad un epilogo che a mio parere creando un precedente in futuro non ci tutelerà da sorprese e forse porterà al fallimento dei progetti. Sembra infatti che ci siano Ambasciate di Paesi Schengen che rilasciano visti con maggiore elasticità della nostra Ambasciata, che persone ne approfittino, che poi inseriscano i figli in progetti di risanamento, che successivamente al loro arrivo in Italia ne rivendichino l'affidamento e poi non rientrino in Bielorussia!!!!! Sono tutti sembrano, ma le voci sono insistenti

MA NOI PRESIDENTI CHI CI TUTELA?

richiesta primo parere

Carissimo dott. xxxxxx buonasera, sono xxxxxx la Responsabile del Progetto Chernobyl della xxxxxxxx, faccio presente che dal 19 giugno 2017 al 5 settembre 2017 ospitiamo un gruppo di 23 minori e 1 accompagnatore con Prog 10/A/17 autorizzato dal Comitato Minori Stranieri, purtroppo in questi giorni si sta verificando un problema con la mamma di 1 minore ospitata dal nostro gruppo. la quale, chiede insistentemente di prendere la bimba con se,in Italia,dice di aver incontrato anche la Console Bielorussa che, le sta producendo un documento che la autorizza a prendere la bimba.

Non riesco a capire quale tipo di documentazione-autorizzazione può dare la Console bielorussa, in quanto anche il Comitato minori Stranieri telefonicamente mi ha detto che non esiste nessuna autorizzazione.

Chiedo cortesemente a lei un aiuto per chiarimenti in merito, grazie buona serata xxxxx

Gentile signora xxxxx buongiorno,

in merito a quanto da lei richiesto, le faccio presente che ai sensi dell'art. 9 degli accordi italo-bielorussi relativi ai Programmi di accoglienza dei minori, gli Enti e le Associazioni  provvedono al soggiorno dei minori presso le famiglie e le strutture di accoglienza e garantiscono il rientro degli stessi nella Repubblica di Belarus al termine del periodo autorizzato con il nulla osta del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Se la madre della bambina è già in Italia, con regolare permesso di soggiorno, ed ha intenzione di tenere definitivamente con se la figlia, deve fare richiesta di nulla osta al ricongiungimento familiare allo Sportello Unico per l'Immigrazione (SUI) presso la Prefettura territorialmente competente.

Distinti saluti

xxxxxxxxx

Ambasciata d'Italia a Minsk

EPILOGO:

Con riferimento al caso specifico della minore in oggetto specificato, si informa che nel tardo pomeriggio del 3 agosto 2017 sono arrivate a questa Amministrazione una nota dell'Ambasciata Bielorussa in Italia e le dichiarazioni di entrambi i genitori della minore xxxxxxxxx di cittadinanza Bielorussa, nata il 08 aprile 2008 , debitamente legalizzate, relative alla loro volontà di riprendere anticipatamente la figlia, assumendo di conseguenza tutte le responsabilità per la sua vita, salute, sicurezza e rientro tempestivo nella Repubblica  di Belarus.

Pertanto si invita la famiglia ospitante e la xxxxxxxxxx a collaborare  con le autorità competenti per il ricongiungimento della minore con la madre.

Si ringrazia anticipatamente la sig.ra xxxxxxx responsabile del progetto di accoglienza e famiglia ospitante della minore per la disponibilità  e collaborazione dimostrata fin da subito.

Restando a disposizione per ogni ulteriore chiarimento si inviano i più cordiali saluti.

Dott. xxxxxx Ufficio Immigrazione

FINE DELLA STORIA, MA CHI CI RIMETTE? I bambini, i progetti? CHI CI GUADAGNA? Temo i soliti furbetti!!!!!!!!!!!!!

Attendo osservazioni per aprire una seria riflessione con le Autorità Bielorusse all'indirizzo: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

arena ricchi