• Decrease font size
  • Reset font size to default
  • Increase font size

Cerca nel sito

Informazioni & Guide

Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterGiornaliere85
mod_vvisit_counterSettimanali85
mod_vvisit_counterMensili4316

Oggi: 23,Set,2019

Chi è online

 42 visitatori online
Home Comunicati AVIB di Presidenza Indicazioni per la corretta applicazione della normativa per l’assistenza sanitaria alla popolazione straniera da parte delle regioni e provincie autonome
Indicazioni per la corretta applicazione della normativa per l’assistenza sanitaria alla popolazione straniera da parte delle regioni e provincie autonome PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 17 Marzo 2014 10:46

Sulla Gazzetta Ufficiale del 7 febbraio 2013, è stato pubblicato l'accordo ai sensi dell'art. 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento recante l'oggetto del titolo.

Sostanzialmente questo accordo stabilisce, tra le altre cose, che " ai minori stranieri soggiornanti per recupero psico-fisico in alcune regioni e ospitati presso famiglie, enti o associazioni, nell'ambito di programmi solidaristici di accoglienza temporanea autorizzati dal Ministero della Solidarietà-Comitato per i Minori Stranieri e/o dalle Regioni, deve essere garantita l'assistenza sanitaria per tutta la durata del soggiorno dietro esibizione da parte dell'adulto affidatario, di documentazione attestante l'affido temporaneo nell'ambito dei suddetti Programmi".

Sembrerebbe tutto semplice, ma così non è stato, infatti le Regioni, in maggioranza, NON hanno dato comunicazione dell'avvenuto accordo, alcune ASL si sono trincerate dietro alla frase "...soggiornanti ... in alcune regioni..." dichiarando verbalmente che la regione di appartenenza non faceva parte delle "alcune", e così diversi minori non sono stati iscritti pur avendone diritto, inoltre nell'accordo non si parla degli accompagnatori per i quali l'iscrizione sarà affidata al buon cuore dei funzionari e/o dirigenti delle ASL, o alle disposizioni regionali vigenti.

Vi invito pertanto a prendere visione delle stampe riassuntive allegate e recarvi o scrivere al più presto presso la/le vostre ASL di riferimento facendo presente l'esistenza dell'accordo e chiedendone l'applicazione, in caso di risposta negativa provvederemo immediatamente a darne segnalazione al Ministro del Welfare.

Per la presentazione dei documenti indicati alla Tabella 3, nelle Regioni già convenzionate solitamente il Presidente dell'Associazione15 giorni prima dell'arrivo presenta:

  • il nulla osta del Ministero di approvazione del progetto
  • l'allegato 4
  • l'allegato 8
  • elenco indicante il medico scelto
  • fotocopia del documento del capo famiglia
  • fotocopia del passaporto del minore (per verificarne l'esatta grafia)
  • autocertificazione (stampato fornito dalla ASL) del Presidente dell'Associazione
  • al momento del ritiro dei tesserini sanitari l'allegato 4 timbrato dalla Polizia di frontiera.

Allego l'autocertificazione che la nostra Regione richiede, in caso possa servire a qualcuno.

A questo punto l'assicurazione contro le malattie diventa inutile, ovviamente ai minori iscritti potrà essere richiesto il pagamento del ticket per alcune prestazioni.

Tenetemi informata sull'andamento delle pratiche.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (GU assistenza sanitaria.pdf)GU assistenza sanitaria.pdf1467 Kb